Milincianieddi ammuttunati

Milincianieddi ammuttunati
Melanzane piccole ripiene

I milincianieddi ammuttunati sono un tipico piatto estivo; si sa ca u palimmitanu si lamenta ru cavuru ma si nun friii un cantaranu ri ruobba nun è surisfattu! (il palermitano si lamenta del caldo ma non è soddisfatto se non frigge un’infinità di roba). Queste melanzanine piccole sono deliziose, profumate di mentuccia e annegate nel sughetto e sarebbe un sacrilegio non mangiarle accompagnate rigorosamente da un beddu filuni ri pani, r’arrascari puru u piattu! (Accompagnate da un bel filone di pane e con minuziosa “scarpetta” per ripulire il piatto)

Eccovi la ricetta:
Ingredienti: 6 melanzanine, 4 spicchi d’aglio, 200 g di caciocavallo stagionato, mentuccia, sale, pepe, salsa di pomodoro fresco, olio di semi di girasole.

Preparazione: lavate le melanzanine e privatele del picciolo, fate 4 incisioni ben distanziate su ogni melanzana con un coltello piccolo, tagliate l’aglio a lamelle e il caciocavallo a fettine sottili e aiutandovi con le dita dentro ogni incisione ammuttunati (imbottite) a milinciana con sale pepe una fettina d’agghiu, una di caciocavallo e finite con una fogliolina di mentuccia. Appena avrete ammuttunatu tutte le fessure friggete le melanzane in abbondante olio finché non risulteranno morbide; a questo punto mettetele in un tegame con la salsa di pomodoro fresca, aggiustate di sale e lasciate cuocere a fiamma bassa per 10 minuti circa. Potete servire i milinciani cavuri ma friddi sunnu puru belli sapurusi!

milincianieddi-ammuttunati-600x300

Ricetta di Lidia Rappa
Foto: Lidia Rappa

Masculini a catanisi

Masculini a catanisi
Alici alla catanese

Ingredienti per i masculini a catanisi (per quattro persone): 500 g di alici (lavate e spinate), farina q.b., olio per friggere, 2 cipolle, una manciata di uvetta, una manciata di pinoli, un bicchiere d’acqua, 2 cucchiai di zucchero, sale, pepe.
Preparazione dei masculini a catanisi: Iniziamo a infarinare leggermente le alici e a friggerle in abbondante olio (cuociamole fino a metà cottura). Quindi scoliamole e asciughiamole. In una padella capiente soffriggiamo la cipolla tagliata a fette spesse; quando sarà dorata aggiungiamo i pinoli, l’uvetta (immersa precedentemente in acqua per 10 minuti), sale, pepe e le alici fritte in precedenza. Facciamo sfumare il tutto con l’agrodolce (1 bicchiere di acqua con l’aggiunta di due cucchiai di zucchero e aceto); mischiamo e serviamo con una bella spolverata di menta.

Catania fontana dell'elefante

Ricetta di Carmen Alessi Batù

Calamari ripieni

Ingredienti per i calamari ripieni: 1 kg di calamari, 100 g di olive,  200 g di pane grattugiato, 50 g di capperi,  50 g di  caciocavallo grattugiato, 500 g di pomodori pelati, prezzemolo, mezza cipolla, mezzo bicchiere di vino bianco, olio extravergine di oliva, sale e pepe.
Preparazione dei calamari ripieni: Pulite i calamari lasciandoli interi e togliendo lo stomaco e la testa. Condite il pane grattugiato con il prezzemolo tritato, le olive sminuzzate, il caciocavallo grattugiato e i capperi. Con il composto così ottenuto riempite per bene i calamari, fermandoli all’apertura con uno stuzzicadenti per evitare che il ripieno fuoriesca durante la cottura. A questo punto soffriggete la cipolla con un poco di olio extravergine di oliva , aggiungete i pomodori pelati e infine i calamari, rigirandoli un po’ di volte per farli cuocere uniformemente e farli insaporire nel sugo di pomodoro. Aggiungete sale, pepe e il mezzo bicchiere di vino bianco. Diluite ulteriormente il sugo con mezzo bicchiere d’acqua e cuocete per un quarto d’ora circa. Infine, dopo averli fatti raffreddare, tagliate i calamari a rotelline e serviteli con il sugo di cottura.

riserva dello zingaro - san vito lo capo

Sarde a beccafico alla palermitana

Ingredienti per le sarde a beccafico: 800 g di sarde, 150 g di pangrattato, 50 g di uva sultanina, 50 g di pinoli, un limone, olio extravergine di oliva, sale e pepe.
Preparazione delle sarde a beccafico: Per preparare questo piatto tipico della cucina siciliana iniziamo privando le sarde della testa e della lisca, lavarle e asciugarle. Dorare il pangrattato in mezzo bicchiere di olio, metterlo in una terrina e mescolarlo con i pinoli, l’uvetta ammorbidita in acqua tiepida, sale e pepe. Riempire le sarde con il composto appena preparato e porle a strati in una teglia in precedenza oleata. Condire con sale, olio e con il miscuglio di pangrattato rimasto. Cuocere in forno preriscaldato per mezz’ora circa e infine condire con un poco di succo di limone.

sarde a beccafico - Cucina di Sicilia

Carciofi ripieni alla siciliana

Il  carciofo (dall’arabo kharshuf) è una delle piante alimentari più diffuse in tutta l’Italia, specialmente nelle regioni meridionali. E’ presente  sin dall’antichità in Sicilia, dove addirittura, secondo alcune fonti, ha avuto origine la sua coltivazione. E’ sicuramente da sempre un protagonista della cucina tradizionale siciliana e viene preparato in diverse maniere, da quelle più semplici, come i  cacocciuli arrustuti (carciofi arrostiti) alle ricette più elaborate, come i carciofi ripieni che andiamo a vedere qui di seguito.

Ingredienti per i carciofi ripieni: 8 carciofi, 50 g di pangrattato, 4 acciughe salate, 50 g di capperi, prezzemolo, 1 spicchio d’aglio, un bicchiere di olio extravergine di oliva, sale e pepe.
Preparazione dei carciofi ripieni: Pulite i carciofi, eliminando le foglie esterne più dure e tagliando il gambo; quindi allargate le foglie centrali e condite con sale e pepe. Imbiondite i carciofi in un tegame con mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva e con l’aglio schiacciato e il prezzemolo tritato. A questo punto lavate le acciughe, asciugatele, togliete le lische e tritatele. Tostate il pangrattato in un altro tegame con poco olio e, dopo aver aggiunto le acciughe e i capperi, mescolate per bene. Mettete il composto all’interno dei carciofi, pressandolo un pochino. Mettete quindi i carciofi in una casseruola cospargendoli con l’olio rimasto e con un bicchiere d’acqua. Cuoceteli infine per circa mezz’ora a fiamma moderata, coprendoli con il coperchio.

carciofi - Cucina di Sicilia

Macco fritto

Ingredienti per il macco fritto: 600 g di fave secche decorticate, olio extravergine di oliva, sale, pepe.
Preparazione del macco fritto: Mettete a bagno le fave per una notte; poi sgocciolatele e trasferitele in un tegame. Coprite con acqua fredda e lasciate cuocere per un paio d’ore, mescolando spesso con un cucchiaio di legno in modo che i legumi si spappolino. Prima di spegnere la fiamma condite con sale e pepe e rovesciate la preparazione in una teglia leggermente inumidita. Livellate la superficie e lasciate raffreddare completamente. Quando il macco sarà diventato duro capovolgetelo su un vassoio e tagliatelo a fette; quindi friggetelo in olio caldo e servite subito.

macco fritto - Cucina di Sicilia

Triglie ai semi di finocchio

Ingredienti per le triglie ai semi di finocchio: 8 triglie, prezzemolo, 150 g di grasso di pancetta, due limoni, semi di finocchio, olio d”oliva, pepe, sale, 4 fogli di carta oleata.
Preparazione delle triglie ai semi di finocchio: Pulite le triglie, lavatele e conditele con olio, limone, sale e pepe. Tagliate a dadini la pancetta e cospargetela, aggiungete un po’ di prezzemolo tritato e un cucchiaio di semi di finocchio pestati nel mortaio. Avvolgete due triglie e un po’ di miscuglio in ogni foglio di carta oleata e mettete i cartocci sulla griglia o sulla carbonella per 20 minuti circa.

triglie ai semi di finocchio - Cucina di Sicilia

Involtini di pescespada

Ingredienti per gli involtini di pescespada: 800 g di fettine sottili di pescespada, 150 g di olive verdi, 40 g di capperi, due gambi di sedano, 400 g di salsa di pomodoro, una cipolla, 160 g di pangrattato, 40 g di caciocavallo fresco, zucchero, olio, sale, pepe.
Preparazione degli involtini di pescespada: Fate soffriggere in un tegame largo con un po’ d’olio d’oliva la cipolla a fettine, le olive snocciolate, il sedano tagliato a pezzettini e i capperi. Quindi aggiungete la salsa di pomodoro e lasciare insaporire a fuoco lento per quindici minuti. Allargate le fettine di pescespada, dopo aver tolto la pelle, e riempitele con un miscuglio di pangrattato, parmigiano grattugiato, un cucchiaino di zucchero e qualche cucchiaio della salsa di pomodoro già preparata. Mettete in ogni fettina un pezzettino di caciocavallo fresco e avvolgetele in modo da fare degli involtini. Infilzateli negli spiedini e fateli cuocere per circa 10 minuti nella salsa, rigirandoli per farli insaporire. Aggiungete sale e pepe. Servite gli involtini cosparsi di salsa.

Acitrezza - Cucina di Sicilia