A capunata di milinciani

Ricordo che mia nonna, quando sapeva di avere ospiti a pranzo nna staciuni (in estate), soprattutto se si trattava di figli e nipoti, cominciava la mattina presto a friggere le melanzane, ca a caponata un putia mancari. Noi tutti ci sedevamo a tavola contemplando quella libidinosa meraviglia che, rigorosamente accompagnata da un bellu filuni ri pani, era capace di mettere a tacere intere tavolate.

Il segreto della sua bontà è il suo sughetto agrodolce ca cu u panuzzu abbagnatu è a fini ru munnu! R’arrascari u piattu! La caponata infatti si può gustare così com’è, meravigliosa, profumata, gustosa, ma se sei siciliano devi fare la scarpetta per una perfetta estasi! Esistono svariate versioni di caponata, io vi racconto quella che amo, quella della mia nonna Lidia.

Per preparare a capunata vi serviranno: 10 melanzane nere, una confezione di capperi sotto sale, 4 coste di sedano, 400 g di olive verdi, 1 lt di passata di pomodoro, aceto bianco, zucchero, sale olio di semi.

Preparazione: lavate le melanzane, privatele della punta e tagliatele a cubetti. Friggetele in una padella funnuta (tipo wok o saltapasta) in abbondante olio caldo finché non risultino ben dorate, scolatele, salatele e lasciatele raffreddare. Lavate le coste di sedano, tagliatele a tocchetti, sbollentatele per 10-15 minuti e scolatele.

Snocciolate le olive e tagliatele a pezzetti, lavate i capperi più volte per togliere il sale, preparate la salsa agrodolce, togliete l’olio in eccesso rimasto dalla frittura delle melanzane, lasciate 5-6 cucchiai, fate riscaldare e versate la passata di pomodoro (potete aromatizzare con qualche foglia di basilico), regolate di sale e lasciate cuocere a fiamma vivace finché non si sarà un po’ ristretta.

Aggiungete i capperi dissalati, versate un bicchiere di aceto e 4 cucchiai di zucchero, mescolate bene e lasciate evaporare un po’; appena avrà assunto un colore rosso scuro spegnete, ci vorranno circa 15 minuti. In una insalatiera capiente versate le melanzane, le coste di sedano e le olive, aggiungete sopra il sughetto agrodolce senza mescolare e lasciate raffreddare. Le melanzane assorbiranno così il condimento dolcemente. Appena freddo coprite con una pellicola e mettete tutto in frigorifero, perchè la caponata si gusta fredda. Poco prima di servire mescolate bene e il risultato sarà na meravigghia ri liccarisi i baffi!

Un suggerimento in più per la conservazione: l’estate è il momento migliore per assaporare la caponata, ma se non volete negarvi questo piacere anche in inverno potete conservarla. Procuratevi dei barattoli di vetro, lavateli, sterilizzateli e riempiteli lasciando due dita dal bordo; tappateli e metteteli a bollire in un bel pentolone, mettendo qualche strofinaccio tra i vasetti per evitare rotture. Fate bollire per venti minuti e lasciate raffreddare. Traficusu (macchinoso) ma ne vale la pena: a capunata è capunata dda vutazza ca a tasti un ta poi cchiù scuppari ri mmucca!

capunata di milinciane 600x300

Ricetta di Lidia Rappa
Foto: Lidia Rappa

Patate zucchine e pomodori alla siciliana

Ingredienti per patate, zucchine e pomodori alla siciliana: 2 zucchine “40 giorni” medie, 5 pomodorini di Pachino,  sale, peperoncino in polvere, 1/2 dado vegetale, 3 patate medie, 1 cipolla piccola, basilico, ricotta salata, olio extravergine di oliva  q.b.
Preparazione delle patate, zucchine e pomodori alla siciliana: Lavare, spuntare da entrambi i lati le zucchine, quindi tagliarle a tocchetti e metterle da parte. Lavare, pelare e tagliare a tocchetti le patate e unirle alle zucchine. Lavare e tagliare in quattro i pomodorini. In una pentola antiaderente mettere l’olio e far appassire la cipolla tritata finemente. Aggiungere patate, zucchine e pomodorini portando a cottura, a fuoco medio. Aggiustare di sale e peperoncino e aggiungere foglie di basilico e ricotta salata grattugiata. Servire freddo.

patate zucchine e pomodori alla siciliana- Cucina di Sicilia

Ricetta di Raffaella Montalto

Caponata di cacocciuli

Caponata di cacocciuli
Caponata di carciofi

Un’alternativa alla classica caponata di verdure.
Ingredienti per la caponata di cacocciuli (per 4 persone): 500 g di cuori di carciofo, 200 g di carote a rondelle, mezzo gambo di sedano a rondelle, mezza cipolla, un bicchiere di olio extravergine di oliva, mezzo spicchio d’aglio, 150 g di olive verdi (tagliate a metà e snocciolate), 15 g di capperi, 50 ml di aceto bianco e un cucchiaino di zucchero (per l’agrodolce), succo di limone, sale e pepe q.b.
Preparazione della caponata di cacocciuli: Mettiamo i cuori di carciofo a bagno in acqua e succo di limone per mezz’ora circa. In una padella capiente facciamo insaporire con l’olio d’oliva e l’aglio, per circa 5 minuti, il sedano, le carote e la  cipolla, tritati grossolanamente. Aggiungiamo i cuori di carciofo (scolati), le olive e i capperi, un pizzico di pepe, aggiustiamo di sale e cuociamo per 15-20 minuti. Infine versiamo l’aceto e lo zucchero e cuociamo per altri 5 minuti.
La caponata di cacocciuli servita con tuma (primosale) e salame di S. Angelo di Brolo rappresenta un ottimo antipasto siciliano.

caponata di cacocciuli - Cucina di Sicilia

Ricetta di Carmen Alessi Batù

Caponata

La caponata è uno dei piatti più noti della cucina siciliana, sempre presente nei menu delle feste comandate e protagonista indiscussa di tutte le scampagnate.  Può essere portata in tavola come contorno ma anche come piatto unico. Nelle varie zone dell’Isola se ne tramandano diverse varianti e ogni famiglia conserva gelosamente una propria ricetta.
Di seguito ve ne proponiamo una versione: inviateci pure la vostra, la pubblicheremo con piacere, oppure indicate nel commento le vostre variazioni .
Ingredienti per la caponata (per dieci persone): melanzane 1,5 kg, cipolle 700 g, pomodori maturi 700 g, coste di sedano 150 g, olio d’oliva 2 dl, olive in salamoia 200 g, capperi 80 g, aceto 1 dl, basilico fresco,  zucchero e sale q.b.
Preparazione della caponata: tagliamo a bastoncino le melanzane, disponiamole in un colino, cospargiamole di sale e lasciamole così per circa 1 ora (ciò permette che cedano l’acqua e con essa perdano il gusto troppo amaro). Tagliamo le cipolle in julienne (sottili) e facciamole friggere in poco olio; aggiungiamo i pomodori a filetti, i capperi, le coste di sedano a pezzetti e le olive. Rosoliamo il tutto e portiamo a cottura. Sciacquiamo le melanzane, asciughiamole e friggiamole in olio; uniamole quindi  ai pomodori, aggiungendo l’aceto, un pizzico di zucchero e il sale. Cuociamo a fiamma bassa; quando l’aceto sarà evaporato, aggiungiamo il basilico e togliamo dal fuoco. In genere la preparazione va servita fredda.
Tempi: 10 minuti per la preparazione e 20 minuti per la cottura.

caponata - Cucina di Sicilia

Ricetta di Graziella Sardo

Peperonata

Ingredienti per la peperonata: 1 kg di peperoni, 500 g di patate, 500 g di cipolle, 4 pomodori, olio extravergine di oliva, sale,pepe.
Preparazione della peperonata: Tagliate a fettine i peperoni e le cipolle e soffriggeteli in padella in abbondante olio extravergine di oliva. Aggiungete le patate tagliate a tocchetti , coprite e cucinate a fiamma ridotta per venti minuti circa. Nel frattempo rosolate a parte i pomodori spellati e senza semi e aggiungeteli quindi ai peperoni e alle cipolle. Continuate la cottura per amalgamare e insaporire il tutto, aggiungete un po’ di sale e di pepe e la vostra peperonata è pronta da portare a tavola.

peperoni e cipolle - Cucina di Sicilia

Broccoli affogati

Ingredienti per i broccoli affogati: 1,5  kg di broccoli, olio extravergine di oliva, sale, pepe, mezzo bicchiere di vino bianco.
Preparazione dei broccoli affogati: Tagliare i broccoli, metterli in un tegame con olio, sale e pepe, coprire con il coperchio e  regolare il fuoco al minimo, per  soffriggerli  e cuocerli  “affogandoli” nel loro stesso vapore. Ogni tanto aggiungere un poco d’acqua, quando ci accorgiamo  che friggono troppo, e sfumare con il vino a metà cottura. La stessa ricetta può utilizzare i cavolfiori  invece dei broccoli.

broccoli - Cucina di Sicilia

Melanzane alla parmigiana

Caponata, involtini, pasta alla norma e parmigiana sono alcune delle ricette siciliane in cui la protagonista è sempre lei, la melanzana. Di antichissima origine asiatica, forse dell’India, la melanzana è stata introdotta dagli Arabi (il suo nome infatti deriva dall’arabo bādingiān, incrociato con mela) e  da essi fu diffusa in tutti i paesi del bacino del Mediterraneo. Vediamo adesso come preparare le melanzane alla parmigiana.

Ingredienti per le melanzane alla parmigiana: cinque melanzane, 100 g di parmigiano grattugiato, 3 dl di salsa di pomodoro, un mazzetto di basilico sale, pepe, olio extravergine di oliva.
Preparazione delle melanzane alla parmigiana: Lavate le melanzane e tagliatele a fette non troppo sottili e ponetele in un colapasta, cosparse di sale. Dopo un’ora sciacquatele, asciugatele e friggetele in abbondante olio caldo. Spargete sul fondo di una teglia qualche cucchiaio di salsa di pomodoro e disponetevi sopra, a strati alternati, le melanzane, la salsa, il parmigiano grattugiato e le foglie di basilico spezzettate. Completate con un velo di salsa e cospargete di formaggio grattugiato; mettete in forno a 200° per una ventina di minuti.

melanzane alla parmigiana - Cucina di Sicilia